banner  

top1 top1 top1 top1 top1 top1 top1
Home
Chi siamo
Dove siamo
Editoriale
Archivio news
Uff. immigrazione
Scadenze mensili
Download
Links
FAQ
Cerca nel sito
Contattaci
Area clienti
Privacy-policy

login




 
news
Fallimento e diritto di prelazione sui crediti

DICHIARAZIONI
10.02.2017

È onere del creditore, in caso di fallimento di una società, individuare i beni sui quali il privilegio possa esser esercitato (CORTE DI CASSAZIONE – Sez. VI – Sentenza 07 febbraio 2017, n. 3280).


Nella fattispecie esaminata dalla Suprema Corte, Equitalia sud Spa ha proposto ricorso per cassazione avverso il decreto del Tribunale di Milano che aveva rigettato la sua domanda di ammissione allo stato passivo del fallimento di una Srl in privilegio, per non aver la ricorrente individuati i beni sui quali il privilegio poteva esser esercitato.
Con l’unico motivo di ricorso Equitalia sud Spa non ritiene condivisibile la pronuncia del Tribunale adducendo che non è a suo carico individuare i beni sui quali il privilegio possa esser esercitato e l’operatività del privilegio stesso, poiché rinviati a fasi successive.

La Cassazione ha ritenuto la tesi della ricorrente infondata in qunato ha già avuto modo di chiarire che in tema di formazione dello stato passivo, il creditore che invochi il riconoscimento di un privilegio speciale ha l’onere, ai sensi dell’art. 93, comma 3, n. 4, della Legge fallimentare (come modificato dal d.lgs. n. 5 del 2006), di specificare su quale bene intende esercitare la prelazione, altrimenti il credito insinuato deve essere considerato chirografario in ragione della previsione del successivo comma 4 della medesima disposizione.

In virtù di quanto sopra esposto la Cassazione respinge il ricorso.







Studio Borriero Services S.r.l. Via Veneto 2/C - 36015 SCHIO (VI) Tel. 0445 576144 - Fax 0445 576146 info@studioborriero.it
iscritta al n. 02236410243 del Registro Imprese di Vicenza - iscritta al n. 216385 R.E.A. di Vicenza - capitale sociale 45.500,00 i.v. - Privacy-policy