banner  

top1 top1 top1 top1 top1 top1 top1
Home
Chi siamo
Dove siamo
Editoriale
Archivio news
Uff. immigrazione
Scadenze mensili
Download
Links
FAQ
Cerca nel sito
Contattaci
Area clienti
Privacy-policy

login




 
news
NASpI e attività lavorativa: (in)compatibilità?

DICHIARAZIONI
27.12.2017
L'Inps fornisce chiarimenti in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione NASpI, ASpI e mini ASpI con alcune tipologie di attività lavorativa e con determinate tipologie di reddito.
Con la circolare 23.11.2017, n. 174, l'Inps intende fornire chiarimenti circa la compatibilità dell'attività lavorativa, sotto le più svariate forme, e la percezione di indennità di disoccupazione NASpI, ASpI e mini ASpI.

L'Istituto si era già espresso nel 2015 in merito alla concomitanza di attività lavorativa

autonoma, di lavoro accessorio, intermittente, lavoro all'estero ed emolumenti derivanti dall'espletamento di cariche pubbliche elettive e non elettive. A seguito dell'evoluzione della materia, l'Inps è tornato sul tema per meglio precisarlo.

L'Inps specifica che, nei casi di soggetti beneficiari di indennità NASpI titolari di borse lavoro, stage e tirocini professionali, premi o sussidi per fini di studio o addestramento professionale, pur a fronte dell’assimilazione, ai fini fiscali, delle somme percepite ai redditi da lavoro dipendente, non si ravvisa lo svolgimento di un’attività lavorativa.

Pertanto, se ne deduce che i compensi derivanti da tali rapporti sono interamente cumulabili con l’indennità NASpI e il beneficiario della prestazione non è tenuto ad effettuare all'INPS comunicazioni relative all'attività e alle relative remunerazioni.
In presenza, invece, di borse di studio e assegni di ricerca, essendo stata ricondotta ad attività lavorativa quella svolta dai soggetti percettori di tali remunerazioni, andrà applicata la disciplina di cui all'art. 9 D.Lgs. n.22/2015 in tema di riduzione dell’importo della prestazione erogata per l’ipotesi di contestuale svolgimento di attività di lavoro subordinato. Pertanto, i compensi derivanti dalle suddette attività non possono superare il

limite annuo di € 8.000, e il beneficiario dovrà quindi, a pena di decadenza, informare l'Inps entro un mese dall'inizio dell'attività a cui i compensi si riferiscono, o dalla presentazione della domanda di NASpI se la suddetta attività era preesistente, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarne anche ove sia pari a zero. I compensi conseguiti per lo svolgimento di attività sportiva dilettantistica sono invece interamente cumulabili con l’indennità NASpI.

Per quanto attiene le prestazioni occasionali, il beneficiario della prestazione NASpI può svolgere tale tipo di prestazioni nei limiti di compensi di importo non superiore a 5.000 euro per anno civile.

Il limite di reddito entro il quale è da ritenersi consentita invece l’attività professionale senza perdita della NASpI è pari a € 4.800, con obbligo di comunicazione all'Inps entro un mese.

La circolare entra poi nel merito della cumulabilità con redditi da attività in ambito societario, analizzando tutte le tipologie di società e di reddito prodotto.

L'Istituto precisa inoltre che la mera iscrizione ad Albi professionali e la semplice

apertura di partita IVA non sono da sole sufficienti a consentire e quindi a far supporre lo svolgimento di attività di lavoro autonomo. Sarà cura della struttura territoriale, in tal caso, verificare se l’attività sia effettivamente svolta, contattando l’interessato.

Vengono infine meglio precisate le casistiche per le quali è possibile la corresponsione dell'importo complessivo della NASpI sotto forma di liquidazione anticipata, in unica soluzione, a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma o di impresa individuale, o per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale di una cooperativa nella quale il rapporto mutualistico ha ad oggetto la prestazione di attività lavorative da parte del socio.







Studio Borriero Services S.r.l. Via Veneto 2/C - 36015 SCHIO (VI) Tel. 0445 576144 - Fax 0445 576146 info@studioborriero.it
iscritta al n. 02236410243 del Registro Imprese di Vicenza - iscritta al n. 216385 R.E.A. di Vicenza - capitale sociale 45.500,00 i.v. - Privacy-policy