banner  

top1 top1 top1 top1 top1 top1
Home
Chi siamo
Dove siamo
Editoriale
Archivio news
Uff. immigrazione
Scadenze mensili
Download
Links
FAQ
Cerca nel sito
Contattaci
Area clienti
Privacy-policy

login




 
news
Detrazione Iva e tracciabilità della fattura

DICHIARAZIONI
24.01.2018
L’Agenzia delle Entrate, con la circolare  n.  1/E/2018,  ha  specificato  che  per  poter  esercitare  il  diritto alla  detrazione  Iva  è  necessario  che  il  cessionario/committente  dimostri  il  possesso  della  fattura; pertanto, è  consigliabile  tracciare  il   momento   di  ricezione  della  fattura,  che  permette  al contribuente di garantire la tenuta di una corretta contabilità.
Spesso accade che, in funzione degli strumenti utilizzati dall’emittente, sia già possibile individuare la data  in  cui  la  fattura  viene  emessa  dal  fornitore  e  ricevuta  dal  cliente  (ad  esempio  in  caso  di  utilizzo della Pec). Tali certezze potrebbero mancare nel caso di fatture cartacee consegnate a mano o spedite per posta ordinaria, salvo che per le aziende dotate di un ufficio protocollo, le quali numerano e datano in ordine progressivo i documenti ricevuti.
Per garantire, ai fini della detrazione Iva, una corretta contabilizzazione delle fatture sarebbe opportuna una  verifica  delle  procedure  interne  per  capire  se  gli  strumenti  utilizzati  siano  in  grado  di  tracciare l’acquisizione delle fatture, per evitare contestazioni.

Da Il Sole 24 Ore e da Italia Oggi







Studio Borriero Services S.r.l. Via Veneto 2/C - 36015 SCHIO (VI) Tel. 0445 576144 - Fax 0445 576146 info@studioborriero.it
iscritta al n. 02236410243 del Registro Imprese di Vicenza - iscritta al n. 216385 R.E.A. di Vicenza - capitale sociale 45.500,00 i.v. - Privacy-policy